P2P Bitcoin Volume Skyrockets – L’India prende il comando

Il trading peer-to-peer (P2P) di Bitcoin ha raggiunto nuovi massimi storici in 6 paesi questa settimana, con l’India in testa. I primi paesi sono l’India con 3,4 milioni di dollari, il Ghana con 1,7 milioni di dollari, le Filippine e l’Argentina con 1 milione di dollari ciascuno, il Messico con 700.000 dollari e l’Egitto con 150.000 dollari.

Il trading P2P è un metodo di trading che coinvolge gli individui che acquistano e vendono BTC senza la necessità di una terza parte, come ad esempio una borsa. Questo è diventato più popolare nel corso del tempo, dato che paesi come la Cina stanno mettendo in atto misure più severe per impedire ai suoi cittadini di utilizzare le valute criptate. Questo metodo di trading è stato in costante crescita soprattutto in India, Ghana e Argentina, e non è probabile che rallenterà presto, dato che l’interesse per le crittocorse continua a crescere.

L’India prende il comando come centro di crittografia

L’industria della crittovaluta ha avuto la sua buona parte di resistenza da parte del governo. Questo ha avuto il suo culmine quando il governo ha dichiarato le valute crittografiche illegali e ha vietato alle istituzioni bancarie di fare affari con gli investitori o i commercianti di valuta crittografica. A seguito della recente inversione del divieto, l’India si sta affermando con forza come leader del settore su scala globale. Non è una sorpresa che sia leader nel trading P2P di BTC a chiunque abbia seguito le tendenze degli ultimi tempi.

I tori Bitcoin hanno espresso l’ottimismo che l’India sperimenterebbe una crescita esplosiva nel trading di criptovalute che sta già diventando una realtà. Tra febbraio e maggio, il top exchange indiano WazirX ha registrato un aumento del 160% delle iscrizioni nelle città indiane che ha aumentato il volume di trading del 66%. Si prevede inoltre che le famiglie indiane benestanti entreranno in criptocredito in quanto considerano la diversificazione della loro ricchezza e come una copertura contro i rischi finanziari.

Un numero maggiore di paesi con valute deboli potrebbe raggiungere i massimi storici

La crescita generale che l’India sta vivendo nel settore della crittovaluta è ciò che si riflette nel volume di trading P2P. In alcuni altri paesi, la legislazione contro l’uso delle crittovalute ha spinto i cittadini ad entrare nel trading P2P. Un’altra categoria di paesi che potrebbe vedere una grande crescita nel trading P2P è quella dei paesi con valute deboli come il Venezuela.

L’Argentina è un esempio di paesi colpiti da questo problema che è già tra i primi paesi leader nel trading P2P BTC. Questo trend di crescita suggerisce un crescente interesse per BTC, dato che la gente continua a perdere fiducia nel denaro fiat.